Pianocorde: recensione su “L’isola che non c’era”

"… Un musicista che raccoglie le reminiscenze di tanti ascolti; dal bop allo swing e alla classica, creando un mix di gusto e professionalità che ha come caratteristica fondamentale il rispetto per la scrittura musicale."

Michele Manzotti

leggi tutta la recensione